Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
Udienza privata
Papa: laicità sana aperta al trascendente
Ilaria Solaini
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

Alla Francia serve "una laicità sana", che "comprende un'apertura a tutte le forme di trascendenza, secondo le diverse tradizioni religiose e filosofiche". Lo ha datto Papa Francesco in un incontro privato con una delegazione del movimento francese dei Poissons Roses, cristiani di sinistra.
L’oggetto del dialogo era l’impegno politico oggi in un quadro globale e con specifico riferimento all’Europa e alla Francia. L'agenzia Asca ha riportato quanto scritto da Jean-Pierre Denis, redattore capo del giornale La Vie, che era presente all'incontro.

Papa Francesco ha formulato una "critica" alla Francia, ossia che "la laicità risulta a volte troppo dalla filosofia dei lumi, per i quali le religioni erano una sotto-cultura. La Francia ancora non ha superato questa eredità".
La Francia, ha sottolineato il Papa, ha dato vita a grandi santi, e il Papa, sottolineando che tra i gesuiti ci sono due spiritualità, una di scuola spagnola e una di scuola francese, ha detto: "La mia spiritualità è francese". In particolare, il Papa ha citato Pietro Favre, Louis Lallemant, Henri de Lubac e Michel de Certeau, "per me il più grande teologo per il giorno d'oggi".
In generale, la Francia ha per Papa Francesco una grande "vocazione umanista", "la Francia di Emmanuel Mounier, di Emmanuel Levinas e di Paul Ricoeur". La Vie sottolinea: un cattolico, un ebreo e un protestante.
Papa.jpg

Anche il costituzionalista Stefano Ceccanti, presente all'udienza con i delegati francesi del Movimento dei Poissons Roses e ne riportato i contenuti sul suo blog, ripreso anche dal Sismografo

Papa Francesco - ha scritto il costituzionalista - ha spiegato che sia «la fede sia la politica si comprendono meglio a partire dalle periferie (il primo termine chiave), intese sia in senso geografico sia esistenziale. Dalle periferie si capisce che la politica è “aprire processi più che occupare spazi” e anche la fede ne esce purificata. Connaturata alla politica è comunque una dimensione di rischio “meglio chiedere perdono dopo per una scelta sbagliata che chiedere permesso prima di agire”». 

«La seconda parola chiave è quindi 'uscire da sé', con responsabilità. In un vivace scambio di domande e risposte offre poi sia un parametro alto (“la politica come forma più alta di carità” citando Paolo VI, che non si esaurisce mai quindi nelle sole intese contingenti) sia un metodo pragmatico (la politica dove tavolo in cui ci si siede e si deve essere disponibili a cedere qualcosa in nome del bene comune che richiede convergenze)».

Durante il colloquio, ha proseguito Ceccanti, Papa Francesco ha inoltre elogiato la Francia per la ‘politica familiare che consente una buona sostituzione tra nati e morti’ e invece ha detto che ‘Italia e Spagna dovrebbero prendere esempio perché hanno tassi di natalità molto bassi’”.

Tv2000 ha intervistato il costituzionalista Stefano Ceccanti, guarda il video:

1ixh-FbId0A;430;242

 

 

 

© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza