Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
Giubileo
Le opere di misericordia, catechesi a Pompei. E su TV2000
Loreta Somma
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​Il santuario di Pompei

Sarà l’arcivescovo di Chieti-Vasto, Bruno Forte, il relatore della prima catechesi giubilare sulle opere di misericordia, in programma nel Santuario di Pompei. A cominciare da stasera, ogni mercoledì, alle 19.45, nella Basilica mariana, si alterneranno vescovi, sacerdoti, responsabili di movimenti e associazioni, docenti universitari e mariologi per far riscoprire ed approfondire ai fedeli il significato delle opere di misericordia corporale e spirituale per la vita cristiana, secondo l’auspicio di papa Francesco. Nel Santuario di Pompei il tema della misericordia è molto sentito perché vissuto fortemente dal suo fondatore, il beato Bartolo Longo, che, perdonato da Dio per il suo allontanamento dalla fede, spese la sua vita per donare agli ultimi e agli emarginati lo stesso amore ricevuto dalla Vergine del Rosario.
 
L’arcivescovo Forte, teologo e scrittore molto noto e apprezzato, introdurrà il tema dell’Anno Santo straordinario, con una relazione dal titolo: «Il Giubileo della misericordia e del perdono». L’iniziativa è rivolta a sacerdoti, religiosi, religiose e laici, non solo di Pompei, per guidarli alla conoscenza e all’attualità della misericordia, attraverso gli insegnamenti e le esperienze concrete di persone che, con diverse declinazioni, le mettono in pratica ogni giorno.

Fino al 27 aprile, infatti, si susseguiranno gli interventi di Salvatore Martinez, presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito; don Jesús Morán, co-presidente del Movimento dei Focolari; Matteo Truffelli, presidente nazionale di Azione cattolica; Salvatore Pagliuca, presidente nazionale Unitalsi; padre Ermes Ronchi, mariologo e docente alla Pontificia Facoltà Teologica Marianum di Roma, ed altri esponenti del mondo ecclesiale ed accademico. Le catechesi saranno riprese da Tv2000 e, successivamente, mandate in onda.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza