Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
IL PAPA EMERITO
Porta Santa, Benedetto XVI sarà all'apertura
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

Lo scorso giugno Francesco si recò nella residenza del Papa emerito Benedetto XVI, all'ex Convento Mater Ecclesiae per salutarlo e augurargli una buona permanenza a Castelgandolfo. (​Foto LaPresse).


Il Papa emerito Benedetto XVI "ha accettato l'invito di Papa Francesco per la cerimonia di apertura della Porta Santa" l’8 dicembre, Solennità dell’Immacolata e inizio dell’Anno Santo della Misericordia. Lo ha confermato ai giornalisti padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa della Santa Sede. Papa Ratzinger non seguirà tutta la cerimonia, "sarà presente nell'Atrio della Basilica in occasione del rito di apertura".

In queste ultime settimane, Papa Francesco ha citato più volte Benedetto XVI sul tema del rapporto tra misericordia e verità. In particolare, all’inizio del Sinodo sulla famiglia ha ricordato col Papa emerito che “la Chiesa è chiamata a vivere la sua missione nella verità che non si muta secondo le mode passeggere o le opinioni dominanti. La verità che protegge l’uomo e l’umanità dalle tentazioni dell’autoreferenzialità e dal trasformare l’amore fecondo in egoismo sterile, l’unione fedele in legami temporanei”. Quindi ha citato direttamente Benedetto XVI laddove afferma nella Caritas in veritate: «Senza verità, la carità scivola nel sentimentalismo. L’amore diventa un guscio vuoto, da riempire arbitrariamente. È il fatale rischio dell’amore in una cultura senza verità».

 a46bbfe744_48645586.jpg
(Al Concistoro del 22 febbraio 2014 Francesco e Benedetto XVI. FOTO OSSERVATORE ROMANO)

E poi, a conclusione del Sinodo, ha riproposto ancora Benedetto XVI quando ha affermato: «La misericordia è in realtà il nucleo centrale del messaggio evangelico, è il nome stesso di Dio [...] Tutto ciò che la Chiesa dice e compie, manifesta la misericordia che Dio nutre per l’uomo.

Quando la Chiesa deve richiamare una verità misconosciuta, o un bene tradito, lo fa sempre spinta dall’amore misericordioso, perché gli uomini abbiano vita e l’abbiano in abbondanza (cfr Gv 10,10)».

Annunciando il Giubileo straordinario della Misericordia lo scorso 13 marzo, Papa Francesco ha detto: «Cari fratelli e sorelle, ho pensato spesso a come la Chiesa possa rendere più evidente la sua missione di essere testimone della Misericordia. È un cammino che inizia con una conversione spirituale. Per questo ho deciso di indire un Giubileo straordinario che abbia al suo centro la misericordia di Dio».

© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza